UA-111326531-1
Saturday, September 22, 2018

VINCENZO GIORDANO: NASCITA DI UN NUOVO ANTI DIVO

Posted by Valentina Biscozzi On marzo - 17 - 2018 Commenti disabilitati su VINCENZO GIORDANO: NASCITA DI UN NUOVO ANTI DIVO

Foto: San Cataldo. Nel riquadro: Vincenzo Giordano. 

 

Negli ambienti del cinema e della televisione lo definiscono l’anti Divo. In effetti, Vincenzo Giordano, attore di cinema, teatro e TV, originario di San Cataldo (provincia di Caltanissetta) è di carattere molto timido e introverso. A differenza di tanti colleghi, non ama parlare di sé, raramente concede delle interviste, certamente non sgomita mai. Eppure si sta affermando in un mondo estremamente competitivo grazie al suo impegno professionale e alla sua capacità di ‘bucare lo schermo’.  Tra i suoi ultimi lavori figurano Squadra Antimafia 5” e “La Narcotici 2”. Inoltre è stato scelto per la fiction “Non è stato mio figlio” su canale 5 con Gabriel Garko e “L’Onore e il Rispetto”. Il suo ultimo lavoro riguarda la fiction prodotta da Mediaset “Furore 2”, andata recentemente in onda su canale 5 e che ha registrato un notevole successo. Ma chi è nella realtà questo personaggio misterioso che, secondo molti critici, presto (volente o nolente) farà parlare molto di sé.  Con molta fatica siamo riusciti ‘a scavare’ nel suo passato.

 

Come fa una persona così introversa come lei a diventare attore?

 

Diciamo che tutto è nato un po’ per gioco e un po’ per passione. Da bambino mi piaceva esibirmi sul palco del piccolo teatro dell’oratorio di San Cataldo, il mio paese che amo profondamente.

 

Quale influenza ha avuto, invece, sul suo carattere l’ambiente familiare?

 

Sono cresciuto in una famiglia umile di 9 fratelli, padre minatore e madre casalinga. Sin da bambino ho imparato ad apprezzare il valore di tutte le cose che mi circondavano, dal piccolo giocattolo ai modesti successi che gradualmente hanno accompagnato la mia vita. In ogni caso ho dei ricordi bellissimi, mia madre e mio padre sono stati dei maestri di vita straordinari, mi hanno insegnato il rispetto, il dialogo e ad affrontare serenamente le difficoltà della vita. Ho vissuto in una famiglia umile in cui ogni condivisione era una gioia, quei pochi giocattoli che mio padre poteva permettersi di comprarmi, li custodivo come un tesoro, perché per me rappresentavano l’amore dei miei genitori e i sacrifici che per me ogni giorno facevano.

 

Parliamo di una nota dolente. Suo padre ha subito una morte prematura, vi ha lasciato a 51 anni quando lei era solo un adolescente, come ha vissuto questa perdita?

 

Per una famiglia monoreddito come la nostra è stato un duro colpo ma devo dire che, grazie alla straordinaria forza di mia madre, siamo riusciti, insieme ai miei fratelli, a guardare avanti, a rimboccarci le maniche e a mettere in atto i grandi insegnamenti di forza, onestà e umiltà che mio padre ci aveva lasciato. Devo dire grazie alla mia famiglia se oggi sono qui e se ce l’ho fatta con le mie forze.

 

Il lavoro l’ha portata lontano dalla sua terra che negli anni ha dovuto far fronte a diversi problemi, parliamo soprattutto degli anni bui in cui la mafia aveva il controllo totale del territorio. Solo dopo gli omicidi dei giudici Falcone e Borsellino la Sicilia riesce a ribellarsi e dire basta segnando finalmente la sua rinascita. Oggi si trova ad affrontare una nuova emergenza, quella degli sbarchi clandestini, cosa pensa che accadrà in Sicilia nel prossimo futuro? Come pensa che reagirà la gente?

 

La Sicilia è sempre stata una terra pronta all’accoglienza e lo sta dimostrando soprattutto oggi accogliendo e salvando la vita a migliaia di persone che scappano dalla fame e dalla miseria. Quello che si chiede non solo in Sicilia ma in Italia è di attuare un programma in grado non solo di accogliere ma soprattutto di garantire a questa gente una vita dignitosa nel nostro paese. I problemi oggi nascono dalla mancanza di un piano reale per il controllo e la gestione degli immigrati che inevitabilmente sfocia, come stiamo assistendo, in episodi di violenza brutale. Spesso si parla di razzismo nei confronti degli stranieri e addirittura del ritorno del fascismo, la verità è che questi termini sono il frutto di una strumentalizzazione politica attuata per dirottare l’attenzione verso problemi inesistenti e scaricarne le responsabilità.

 

I risultati delle ultime elezioni in Sicilia hanno confermato la volontà di attuare una riforma drastica rispetto ai vecchi schemi politici, come vede questo cambiamento?

 

Sicuramente ci troviamo in un periodo storico particolarmente difficile in cui è necessario rendersi conto che l’attuale sistema politico non funziona più perché ci troviamo difronte ad una realtà completamente diversa rispetto a quella di 50 anni fa, con problemi che hanno bisogno di soluzioni urgenti e concrete da parte del governo centrale. Io amo l’Italia e amo la mia Sicilia, esorto tutti i giovani a non arrendersi mai di fronte alle difficoltà, a continuare a lottare sempre per i propri ideali e per la conservazione delle proprie origini.

 

xxxxxxxx

Vedere lo Spot REA sullo Stato Sociale

 

 

CLAUDIO SENATRA: NEL LAZIO UNA SANITÀ DA RIFORMARE

Posted by Valentina Biscozzi On febbraio - 26 - 2018 Commenti disabilitati su CLAUDIO SENATRA: NEL LAZIO UNA SANITÀ DA RIFORMARE

Nel riquadro Claudio Senatra

 

Riportiamo l’intervista a Claudio Senatra, 63 anni,  avvocato penalista e consigliere per due mandati consecutivi presso il comune di Monte Porzio Catone, candidato al Consiglio Regionale del Lazio con il simbolo di Lega Salvini Lazio. Da sempre impegnato non solo in politica ma anche nel sociale, attraverso la sua candidatura intende affrontare alcuni temi  importanti divenuti ormai problemi che necessitano di un’attenzione prioritaria: sanità, assistenza agli anziani e ai disabili, lavoro giovanile, emergenza abitativa, violenza di genere.

 

Avvocato Senatra, quali sono, secondo lei, le misure più urgenti da adottare per velocizzare la riforma della sanità all’interno della Regione Lazio

 

E’ necessario adottare importanti misure di ristrutturazione all’interno delle strutture ospedaliere, partendo dall’eliminazione delle liste d’attesa, che impongono tempi troppo lunghi, gravando sui cittadini che si vedono così costretti a ricorrere a visite private a pagamento pur non avendo le disponibilità economiche. Sarebbe opportuno insistere sull’istituto dell’intramoenia ossia delle prestazioni erogate dai medici al di fuori del normale orario di lavoro all’interno delle strutture ospedaliere, garantendo così la loro continua disponibilità a favore degli utenti.

 

Un altro passo importante sarà quello di incrementare i Pronto Soccorso di unità lavorative mediche e di nuovi ed efficienti strumenti idonei ad accogliere e soddisfare le richieste. Oggi ci troviamo di fronte ad una situazione precaria in cui molti ospedali dei piccoli centri urbani periferici sono stati chiusi, altri sono a rischio di chiusura e non sono in grado di accogliere pazienti patologici i quali, quindi, vengono dirottati verso le strutture ospedaliere dei grossi centri urbani con conseguenti forti disagi. E’ necessario dunque adottare misure in grado di aumentare l’efficienza di tutti i pronto soccorso esistenti, dotandoli di personale e attrezzature idonee alle cure di primo soccorso.

 

Il secondo punto del suo programma parla di assistenza agli anziani e ai disabili, ossia di quelle categorie che purtroppo molto spesso vengono tagliate fuori dalla vita sociale a causa delle innumerevoli barriere architettoniche e della poca sensibilità verso di loro. Quali misure pensa di adottare?

 

Per quanto concerne i disabili sarà prevista la creazione di nuovi sistemi per garantire l’accesso all’interno dei mezzi pubblici e dei locali pubblici di interesse culturale. Verranno predisposte pedane apposite e la creazione di nuovi scivoli, oltre a quelli esistenti, per l’accesso su strada oltre a penalizzare gravemente tutti coloro che con autovetture e motocicli ostruiscono tali passaggi. Per i non vedenti invece saranno creati dei percorsi adatti, muniti di sensori tattili lungo i marciapiedi e sonori sui semafori per l’attraversamento stradale. Bisogna inoltre sensibilizzare le strutture sia pubbliche che private verso l’accoglienza dei non vedenti accompagnati da cani guida, in quanto troppo spesso si assiste al rifiuto di accettare animali al loro interno. Verranno inoltre creati dei centri per la formazione dei giovani che saranno educati al senso civile e umano nei confronti di queste categorie, garantendo cosi’ l’assistenza e l’accompagnamento anche agli anziani spesso abbandonati a se stessi.

 

Nel terzo punto del suo programma si parla di esigenza abitativa, quali misure intende proporre?

 

Bisogna fare fronte al problema attraverso un censimento atto a valutare la legittimità del titolo degli occupanti. In caso di illegittimità sarà necessario attuare subito tutte le misure giudiziarie necessarie per liberare l’immobile e restituirlo a coloro che invece, tramite requisiti e graduatorie, ne hanno acquisito il diritto. Sarà necessario, inoltre, predisporre personale per lo studio dei bandi europei di accensione ai fondi per la realizzazione di nuove unità abitative.

 

Veniamo ora all’ultimo tema, da lei particolarmente sentito, che riguarda la violenza di genere in ambito familiare e lavorativo. Cosa si sente di dirci in proposito?

 

Molto spesso accade che questi reati non vengano denunciati da parte delle vittime per paura o per mancanza di consapevolezza delle conseguenze che il silenzio può causare. Occorre far crescere il coraggio di denunciare, è importante permettere alle autorità di adottare quelle misure cautelari idonee alla salvaguardia della propria incolumità, imponendo una serie di divieti preventivi in attesa di condanna definitiva.

É importante che chi subisce abusi sia a conoscenza di tutti gli strumenti legali a proprio favore come la difesa legale gratuita e la possibilità di rivolgersi ai centri di accoglienza e supporto psicologico, che saranno dislocati su tutto il territorio regionale.

 xxxxxxxxxx

Spot REA sullo Stato Sociale

 

 

 

 

 

VALENTINA BISCOZZI: LA VERA FORZA DEL PROMOTORE CREDIBILE

Posted by Valentina Biscozzi On dicembre - 1 - 2017 Commenti disabilitati su VALENTINA BISCOZZI: LA VERA FORZA DEL PROMOTORE CREDIBILE

Riportiamo di seguito la suggestiva riflessione inviataci da Valentina Biscozzi sul ruolo del Comunicatore, un argomento di grande attualità in questo momento di totale confusione nel campo della comunicazioni. La Biscozzi ha gestito l’immagine di importanti società e organizzazioni e come grande appassionata di storia ha collaborato a quattro video realizzati dalla REA  (Radiotelevisioni Europee Associate) sull’antica Roma, nonché a uno spot sullo Stato Sociale che ha registrato numerose visualizzazioni sul web.   

 

Confesso che rimasi stupita quando nell’ambito di una trasmissione televisiva, il titolare di una grande agenzia pubblicitaria, rispose alla domanda di un giornalista su quale fosse la principale differenza tra un venditore e un promotore: “Il venditore” rispose “sposa un prodotto, il promotore una causa”. In poche parole questo signore aveva condensato una filosofia di vita, un modo di operare con il quale mi sono subito identificata ma che non avevo mai cercato di esprimere in una maniera così concisa e chiara. Infatti, in tutta la mia attività, in tutte le mie iniziative nelle quali “mi sono imbarcata”, ho sempre avvertito l’assoluto bisogno di essere io la prima a crederci, ad esserne convinta. Con ciò confesso anche il mio limite: non riesco a ‘vendere’ un prodotto o un’idea se non mi sento attratta dalla sua utilità, soprattutto sul piano sociale.

 

Senza dubbio i guadagni sono importanti, anzi, essenziali per la sopravvivenza di ciascuno di noi. Ma non possono essere la motivazione principale, per non dire unica, del nostro agire. Oggi si parla molto di fake news, cioè di false e diffamanti notizie diffuse sui media e in rete.  Ebbene, a mio avviso, il modo migliore per combattere questo fenomeno è quello di rilanciare il ruolo del promotore che deve essere responsabilizzato e individuato come primo garante della notizia. Voglio dire: ancora prima di creare l’immagine di un prodotto, ogni serio promotore deve curare la sua propria immagine. Perché il messaggio funzioni il promotore deve essere credibile e affidabile. Lo stesso vale per i cosiddetti testimonial. Se io presto il mio volto per lanciare un prodotto ho l’obbligo morale di essere sicuro che si tratti di un prodotto valido, utile e affidabile.

 

Oggi valorizzare un prodotto e un’idea può diventare un’autentica mission: pensiamo ai farmaci, ai prodotti ecologici, agli strumenti in grado di agevolare la vita lavorativa e sociale delle persone. E’ chiaro che il promotore non ha le conoscenze scientifiche per essere assolutamente sicuro della ‘bontà dell’offerta’ ma almeno deve essere in buona fede e sapere che il pubblico alla fine collega il suo volto al messaggio proposto. In parole povere, un promotore pacifista nell’animo non dovrebbe mai promuovere la vendita di armi, per quanto ‘succoso’ possa essere il compenso. Lo stesso vale per le idee politiche, i messaggi sociali, gli appelli alla solidarietà. Ed è ciò che nel mio piccolo sto cercando di realizzare nella consapevolezza che scegliere di essere coerenti e onesti può risultare molto faticoso e sconveniente. Tuttavia, nell’era della comunicazione, ogni promotore credibile può sicuramente dare un piccolo contributo a migliorare le condizioni sociali e di vita di milioni di persone nel mondo.

Vedere i video che hanno avuto per protagonista Valentina Biscozzi

valentinabiscozzi74@gmail.com

 

 

 

 

 

 

UN LABORATORIO UNIVERSITARIO PER IL TURISMO FUORI ROMA

Posted by Valentina Biscozzi On maggio - 27 - 2016 Commenti disabilitati su UN LABORATORIO UNIVERSITARIO PER IL TURISMO FUORI ROMA

 Valentina Biscozzi della Valentina B eventi & comunicazione

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo che Valentiva Biscozzi della Valentina B eventi & comunicazione, ci ha inviato in merito alla Terza conferenza sul turismo alla quale la sua organizzazione ha collaborato. Foto: Castel Gandolfo; riquadro Valentina Biscozzi.

 

In questi giorni si è conclusa la Terza conferenza sul turismo ideata dal Prof. Michele Angelaccio, responsabile, insieme alla Prof.ssa Berta Buttarazzi, del Laboratorio di Smartourism Lab c/o il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Roma “Tor Vergata” in collaborazione con Valentina B eventi & comunicazione per il coordinamento organizzativo.

 

La conferenza dal titolo “Smartourism Idea Lab 2016” si è svolta all’interno della prestigiosa Villa Mondragone, nel cuore del parco dei Castelli Romani ed è stata patrocinata dall’Agenzia Nazionale del Turismo “ENIT ITALIA“. Il tema trattato è stato “Il turismo sostenibile e le destinazioni digitali” ovvero la presentazione di nuovi progetti e pacchetti turistici con tecnologie digitali. L’evento ha permesso di presentare nuove idee di turismo per l’Italia da parte di Aziende ed Enti impegnati nella promozione del territorio italiano.

 

Diversi sono stati gli interventi:

 

Emanuel Sitzia (Business Development Manager) di COMARCH per la presentazione della loro piattaforma rivolta al turismo Smart

Stefano Bottaro, amministratore delegato di Genius Loci per il progetto “Identità, Territorio, Cultura“,

Ernesto  Di Renzo, docente a contratto c/o la Facoltà di Lettere dell’Università di Roma Tor Vergata e promotore del master di I° livello sulla “Cultura dell’alimentazione e delle tradizioni enogastronomiche”  e che ha presentato il ruolo dello studio dell’antropologia per la valorizzazione delle risorse turistiche

Lino Gentile Sindaco di Castel del Giudice (IS) per il progetto “Albergo diffuso Borgo Tufi

Emanuele Macaluso segretario amministrativo CUS Tor Vergata per le nascenti attività di turismo sportivo

Andrea Aversa presidente di YES EUROPE per il progetto “Itinerandum

Flavio Sapocchetti presiddente di Rome Countryside, per il progetto di gemellaggio con il Portogallo

 

All’incontro è intervenuto anche la Sapis Nova srl per la piattaforma turistica “Romeo. All’iniziativa sono stati coinvolti anche i ragazzi dell’Istituto Alberghiero “Fermi – Mattei” di Isernia, accompagnati dalla Prof.ssa Maria Luisa Angelone, a valorizzare la volontà di promuovere iniziative turistiche in grado di dare, alle nuove leve, una possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. L’evento è stato associato a un’importante Educational Tour per Agenzie di incoming e Imprenditori Russi (Fam Trip), organizzato da Smartourism Lab in collaborazione con Valentina B eventi & comunicazione.

 

Sostiene l’ideatore di Smartourism Michele Angelaccio: Quest’anno il nostro Laboratorio di Smartourism Lab c/o il DII di Tor Vergata, ha voluto dimostrare l’esistenza di una possibilità concreta di apertura verso i paesi esteri e ha messo in risalto le potenzialità del nostro territorio. E’ ormai maturo”, ha proseguito Angelaccio, “il tempo di passare ad una nuova fase di turismo più partecipato e  sostenibile con l’ausilio di tecnologie e metodologie digitali rivolte a favorire sia l’export di prodotti che un novo incoming di qualità anche fuori Roma. A questo scopo, per incentivare sia la formazione che la migliore gestione dei progetti turistici, è stato presentato il Laboratorio di Smartourism presso il DII dell’Università di Roma Tor Vergata durante una giornata intitolata Tor Vergata al centro del turismo della campagna romana”. Angelaccio ha, infine, indicato gli obiettivi che s’intende raggiungere: “Rendere più efficaci le innumerevoli iniziative di progetti di valorizzazione del territorio che emergono da associazioni ed aziende private, in un’ottica di razionalizzazione ed efficientamento. In questo modo si spera sarà possibile direzionare il turismo estero fuori dai circuiti tradizionali che vedono Roma e le grandi città italiane, come protagoniste assolute“.

VIDEO – PER UN NUOVO STATO SOCIALE Dalle città all’Europa

  SPOT REA PER UN EFFICIENTE STATO SOCIALE – Videolink SERIE VIDEO  1 MINUTO PER LO STATO SOCIALE  o1 – […]

VIDEO – LA ROMA DI REA SILVIA

La Roma di Rea Silvia riguarda una serie di servizi giornalistici (scritti e in video) realizzati dalla REA (Radiotelevisioni Europee Associate) […]

VIDEO – MEDIA E PROTAGONISTI

MONDO DELLA COMUNICAZIONE 01 – RADIO MAMBO – Renato Dionisi – Videolink 02 – Tele Ambiente – Stefano Zago – […]

VIDEO – ESSENZIALISTI IN VIAGGIO

  ESSENZIALISTI IN VIAGGIO Patrocinati dalla REA (Radiotelevisioni Europee Associate) Incontri e confronti. Dopo numerosi incontri, scambi di opinioni, interviste, interventi […]