UA-111326531-1
Monday, February 24, 2020

AL VASCELLO LA LOCANDIERA DI CARLO GOLDONI

Posted by Punto Continenti On gennaio - 27 - 2020

Foto: Un momento dello spettacolo

 

Torna in scena al Teatro Goldoni ‘La Locandiera’ di Carlo Goldoni. Per Punto Continenti ogni manifestazione culturale di prestigio contribuisce rafforzare lo Stato Sociale: un impegno perseguito dalla REA (Radiotelevisioni Europee Associate) in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università per la Pace di Roma (istituita dalle Nazioni Unite), nell’ambito dell’Agenda REA 2030. Hanno aderito all’iniziativa anche i Giornalisti Italiani Uniti (Sindacato RAI). 

Dal 28 gennaio al 2 febbraio 2020 va in scena al teatro Vascello di Roma La Locandiera di Carlo Goldoni. Sorprende e a fa sorridere La locandiera, apparente, spensierata commedia amorosa, classico goldoniano dal carattere universale e squisitamente moderno, nella versione della Compagnia Proxima Res di Tindaro Granata. L’astuzia, la diplomazia e le debolezze del cuore della donna sono i temi che danno ritmo a questa brillante edizione, fedele all’originale, ma non priva di trovate che la rendono una piacevole novità. Un allestimento essenziale ma formalmente elegante e curato, un affiatato gruppo di interpreti, una recitazione fresca e vivace fanno il resto.

 

Nei suoi Memoires Carlo Goldoni racconta di essersi avvicinato al teatro da bambino, giocando con delle poupettes. È così che Andrea Chiodi ha immaginato di far interagire gli attori con delle piccole bambole, per rappresentare in modo efficace i rapporti tra i personaggi di questa straordinaria macchina teatrale. “E’ una locandiera che agisce tutta intorno ad un grande tavolo – spiega il regista nelle sue note – tavolo da gioco e tavolo da pranzo, così chiaro il che cosa avviene sopra e meno chiaro che cosa avviene sotto; una locandiera che è sicuramente la rappresentazione del Don Giovanni letterario ma al femminile, con i personaggi che appaiono e scompaiono tra una moltitudine di costumi del repertorio del teatro di Goldoni”.

 

La Locandiera, scritta nel dicembre del 1752,  è stata rappresentata  per la prima volta al Teatro Sant’Angelo di Venezia, con Maddalena Marliani-Raffi nel ruolo della protagonista ed è, di gran lunga, la più fortunata commedia del commediografo veneziano. La storia s’incentra sulle vicende di Mirandolina,  un’attraente e astuta giovane donna che possiede a Firenze una locanda ereditata dal padre e la amministra con l’aiuto del cameriere Fabrizio. In quest’opera, gli aristocratici vengono rappresentati come i parassiti della società, senza alcuna volontà di contribuire al suo sviluppo. In compenso pretendono privilegi e servigi. Così facendo, si rendono semplicemente ridicoli, almeno agli occhi degli spettatori.

 

La Locandiera

di Carlo Goldoni

regia Andrea Chiodi

con (in ordine alfabetico)
Caterina Carpio, Caterina Filograno, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Fabio Marchisio

scene e costumi Margherita Baldoni, assistente alla regia Maria Laura Palmeri, disegno luci Marco Grisa musiche Daniele D’Angelo, realizzazione costumi Maria Barbara de Marco

produzione Proxima Res

Anteprima. http://bit.ly/2O8Nn5w

 

x x x x x x

Suggerimenti:

Iscriversi su Facebook al Gruppo di Pressione REA

Esprimere il proprio gradimento all’Agenda 2030 REA

Vedere il video sugli obiettivi del Gruppo di Pressione 

 

Comments are closed.

AGENDA 2030 – Promosso dalla REA

Tre obiettivi: 1) il Pluralismo dell’Informazione; 2) il Rafforzamento dello Stato Sociale Democratico; 3) la Promozione di uno sviluppo economico ecosostenibile.  […]

COSA SI ASPETTANO DALL’EUROPA

Riflessioni, suggerimenti  e critiche riguardanti il futuro dell’Europa da parte di personaggi e normali cittadini.          COSA […]

STORIA E VIAGGI CULTURALI

Dall’Antica Roma ai giorni nostri, dalle splendide località italiane ai posti più sperduti nel mondo, viaggi singoli o in gruppo organizzati dalla REA […]

PANORAMA

  Incontri Internazionali – Personaggi italiani ed esteri – Eventi  – Essenzialisti promotori di una migliore Qualità della vita    […]