UA-111326531-1
Wednesday, April 14, 2021

ANTONIO DIOMEDE: NO ALL’INGORDIGIA DI CHI HA GIA’ TROPPO

Posted by Antonio Diomede On marzo - 6 - 2021

Foto: immagine di copertina del sito Movimento Tutela Sociale

 

In questo articolo Antonio Diomede, Presidente della REA (Radiotelevisioni Europee Associate) sintetizza molto bene la battaglia per un nuovo Stato Sociale e per una ‘Libera Informazione in Libero Stato’, portata avanti dalla REA in collaborazione con associazioni, giornalisti, professionisti, operatori e sociali e tanta gente sensibile ai diritti umanitari. E a proposito di diritti, sono stati indicati anche 7 Diritti Capitali: 1- Diritto al Lavoro o al Reddito Universale; 2- Diritto a una sana Alimentazione; 3- Diritto allo Studio; 4- Diritto alla Casa; 5- Diritto alla Salute; 6- Diritto a un’Assistenza Legale Umanitaria; 7- Diritto a Informare ed essere Informato. Sono obiettivi precisi, che si sono sviluppati e rafforzati attraverso articoli, interviste, servizi in video, pubblicazione di libri. Inoltre è stato avviato il Movimento Tutela Sociale (vedere il sito omonimo), un Movimento d’Opinione che ha già coinvolto numerosi personaggi del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo, della scienza, dell’Università.  In parole povere, si sta cercando di trasformare le tante ‘proposte e proteste’ generiche che affollano la rete e i talk show televisivi (che, purtroppo, hanno quasi sempre l’obiettivo di promuovere il personaggio intervistato e non le idee) si sta passando, con l’aiuto anche di varie emittenti locali (radio e televisioni) a un’azione politica (non partitica) concreta. Tutti sono invitati a impegnarsi in questa direzione (Rainero Schembri )

 

La povertà assoluta  è aumentata attestandosi verso i sei milioni di cittadini. Eppure con i 5 stelle al governo e il reddito di cittadinanza si puntava alla sua soluzione. Lo stato sociale, inteso come l’insieme dei provvedimenti pubblici che assicurano certezze per un vivere ragionevolmente decente, è in via di inarrestabile demolizione con l’aumento delle disuguaglianze. Il sistema neoliberista si è dato delle parole d’ordine per inculcare nella mente dei politici i mali del Paese.

 

Vanno dicendo “basta con l’assistenzialismo e provvedimenti a pioggia” che in parole povere significa “date solo a noi”. Vanno dicendo “i creativi del lavoro sono un disastro per l’economia” per dire che bisogna demolire il lavoro produttivo per rafforzare il lavoro speculativo della finanza e delle banche. Vanno dicendo “lo stato sociale costa 3000 miliardi nella UE che potrebbero essere gestiti dai privati…”.

 

Che ne dite se tale ingente quantità di danaro, proveniente dai contributi obbligatori che tutti versiamo,  fosse gestita dalle assicurazioni e dalle banche dei fondi pensione, dei fondi d’investimento, dalle cliniche private e case farmaceutiche?

 

Poiché il sistema informativo è fondamentale per convincere i popoli che  “…lo stato è inefficiente e che il privato organizzato in grandi catene è bello”,  cosa si fa? Si mette sotto attacco la libera stampa e radiotelevisione tagliando provvidenze e frequenze per imporre il così detto “pensiero unico” in modo da  governare indisturbati. Movimento Tutela Sociale si oppone a tutto questo www.reasat.it per aderire. Se condividete iscrivetevi anche alla pagina facebook Movimento Tutela Sociale.

 

x x x x x x

Nuova Videoclip del Movimento Tutela Sociale (con traduzione in inglese) 

 

Comments are closed.

MOVIMENTO TUTELA SOCIALE

  MOVIMENTO TUTELA SOCIALE Intervista di Sentir Latino a Rainero Schembri – Videolink Luis Flores – La rivincita di Evo […]

COSA S’ASPETTANO DALL’EUROPA

Riflessioni, suggerimenti  e critiche riguardanti il futuro dell’Europa da parte di personaggi e normali cittadini.          COSA […]

STORIA E VIAGGI CULTURALI

Dall’Antica Roma ai giorni nostri, dalle splendide località italiane ai posti più sperduti nel mondo, viaggi singoli o in gruppo organizzati dalla REA […]

PANORAMA

  Incontri Internazionali – Personaggi italiani ed esteri – Eventi  – Essenzialisti promotori di una migliore Qualità della vita    […]